Una chiamata per tutta l’Europa

Come dichiarato in questo articolo, per creare un’Italia più forte e stabile è necessario riformare l’Unione Europea nel suo insieme. Ugualmente, ogni altro Stato membro ha la necessità di riformare l’Unione Europa per crescere e rinforzarsi. Infatti, il destino di tutti i paesi europei è profondamente legato a quello del continente nel suo insieme.

Un’Unione Europea funzionante ha vantaggi smisurati per i suoi stati membri, tra cui:

  • dare accesso alle aziende di tutta Europa ad un mercato di 500 milioni di persone (con un PIL comparabile a quello degli Stati Uniti d’America) e permette ai suoi cittadini di viaggiare, imparare lingue e lavorare all’estero con estrema facilità.
  • essere l’unico mezzo che i singoli stati Europei hanno per avere una voce sullo scenario internazionale, dove ci troviamo contrapposti a economie sia già molto più grandi e popolose delle nostre (es. Cina e India) sia prossime al sorpasso (es. Russia, Brasile e Indonesia).
  • essere lo strumento fondamentale per rafforzare la nostra sicurezza nazionale, in un mondo in cui il ruolo di tradizionali alleati come gli Stati Uniti ed il Regno Unito è messo in discussione, mentre la vicina Russia assume un atteggiamento sempre più assertivo (es. Ucraina) ed il vicino Medio-Oriente è in fermento.

Purtroppo però l’Unione Europea, così come è attualmente strutturata, non riesce più a favorire la crescita e la prosperità dei suoi membri. A causa di una struttura di governo poco democratica, meccanismi decisionali troppo burocratici e grandi sprechi l’Unione Europea si è rivelata largamente incapace nell’affrontare tutte le recenti sfide affrontate. Per esempio, le istituzioni hanno fallito nel supportare le economie degli stati che maggiormente si sono volti all’integrazione (es. i 19 membri dell’Eurozona), nel gestire risolutamente crisi intestine (es. i flussi migratori), o nel dare un peso specifico maggiore all’Europa sullo scenario internazionale (es. l’irrilevanza europea sulla questione siriana) è stata chiaramente percepita dai suoi cittadini. Queste mancanze si sono aggiunte alle tradizionali critiche volte all’Unione (es. burocrazia soffocante, distanza tra i cittadini e le istituzioni), alimentando quei movimenti separatisti ed estremisti che stanno percorrendo il continente in lungo ed in largo. Le istituzioni europee hanno fallito nel raggiungere il loro obiettivo fondamentale, la gestione delle dinamiche e delle crisi che gli stati membri non riescono ad affrontare autonomamente.

Di conseguenza, riforme strutturali sono necessarie per mantenere in vita le istituzioni europee che hanno plasmato il continente negli ultimi 60 anni. Nonostante altre fazioni politiche abbiamo già chiesto riforme in Europa, nel contesto attuale cambiamenti sostanziali sono difficili (se non impossibili) da realizzare.Non solo il parlamento europeo (l’unico vero organo democratico dell’UE) ha poteri limitati, ma i partiti politici europei sono solo alleanze di partiti nazionali con obiettivi e agende diverse che spesso collaborano per motivi di convenienza (es. rimborsi).

L’Unione Europea è in pericolo. Il 24 giugno 2016 l’UE ha subito una delle sue più grandi sconfitte, paragonabile al fallimento della Comunità Difensiva Europea del 1954 e al rigetto della Costituzione Europea nel 2005. Per la prima volta nella sua storia, l’Unione Europea è entrata in una fase di contrazione, perdendo in un colpo solo (i) la seconda economia europea ed il membro del G7 che ha registrato la maggiore crescita negli ultimi 3 anni, (ii) una potenza nucleare e membro permanente del consiglio di sicurezza dell’ONU, (iii) ed un paese con una rete diplomatica senza rivali.

Se non ci opponiamo, le future elezioni in Francia, Germania o Italia potrebbero portare alla fine del Sogno Europeo.

Vox in ogni stato membro, per salvare l’Europa.

Un partito europeo dovrebbe essere costituito da persone che credono, condividono e lavorano basandosi sugli stessi valori e puntando agli stessi obiettivi, declinati più o meno diversamente in ogni realtà nazionale. Solo con un’agenda comune ed una direzione condivisa è possibile cambiare le cose.

Per riformare l’Unione Europea, vogliamo creare Vox, un movimento progressista, riformista e pro-europeo. Vox deve essere creato in tutti i paesi europei e a Bruxelles, per portare avanti un programma comune di riforme ed integrazione in tutti i governi nazionali e nel parlamento europeo. Il programma politico di Vox si baserà sul Manifesto Europeo e sulle 5 sfide fondamentali che già guidano il programma per l’Italia, perfettamente applicabili in tutti i contesti europei.

 Ci sono almeno 3 vantaggi fondamentali derivanti da questa strategia:

  1. CONDURRE RIFORME RADICALI: Vox è l’unica soluzione per condurre riforme radicali nel nostro continente. Ottenendo alcuni successi, come nelle elezioni politiche Italiane del 2018 o alle Europee del 2019, il movimento riuscirebbe a guidare riforme radicali in Europa -dove spesso i programmi sono troppo conservativi- e a diminuire le opposizioni individualiste dei singoli stati nazionali.
  2. MOBILITARE LA GENERAZIONE ERASMUS: come osservato durante il “fenomeno Macron” in Francia, esiste una grande parte della popolazione, giovani e meno giovani, che crede nell’UE e nella sua missione: la “Generazione Erasmus”. Noi crediamo che Vox abbia la possibilità di mobilitare questo gruppo in diversi paesi e aumentare il loro tasso di partecipazione democratica.
  3. AVVICINARE I CITTADINI ALL’EUROPA: Vox ha le potenzialità per colmare il vuoto democratico tra i cittadini e i politici europei. Replicando il modello “americano” – dove lo stesso partito è rappresentato nelle elezioni nazionali e federali – riusciremo finalmente a creare dei collegamenti tra politica nazionale ed europea, facendo finalmente partecipare i cittadini al processo decisionale di un unico sistema politico continentale.

Cittadini d’Europa, unitevi al cambiamento. Partecipate per salvare l’Unione. È una grande occasione, non sprechiamola.

Noi siamo Vox, noi siamo il cambiamento. Unisciti a noi.

Come puoi aiutare?

Se vuoi ricevere aggiornamenti sulle nostre attività, iscriviti alla newsletter.

Iscriviti

Se vuoi supportarci e costruire Vox con noi.

Continuiamo a crescere più di quanto potessimo sperare. Aiutaci a coprire le nostre spese più critiche.

How can you help?

If you want to receive regular updates about our activities, subscribe to the newsletter.

Subscribe

If you want to become a part of our movement and potentially participate in events and activities in your region.

We keep growing at a faster rate than we could have ever hoped for. Help us cover the expenses of our critical activities.

Comment pouvez-vous aider ?

Comment pouvez-vous aider ?

Wie kannst du mitmachen?

Wenn Du Updates zu unseren Aktivitäten erhalten möchtest, dann abonniere unseren Newsletter!

Newsletter abonnieren

Wenn Du aktiv dabei sein und Vox mit aufbauen möchtest, dann werde Teil unseres Teams!

Vox mit aufbauen

Wir wachsen schneller als wir uns erhofft haben. Unterstütze Vox dabei, Politik für die Zukunft zu gestalten!

Spenden

Author

Auteur

Autore

Autor

Andrea Venzon

Sharing is caring

Quand quelqu'un partage, tout le monde gagne. —Jim Rohn

Teilen macht Freude

Quando qualcuno condivide, tutti vincono. —Jim Rohn

Nous voulons votre opinion!

We want your opinion!

Was denken Sie?

Vogliamo la tua opinione!

Sources